DEBUTTI 2017

Terminano i corsi di teatro 2017 con il debutto degli spettacoli di fine anno dei nostri corsi. Una grande kermesse per la nostra associazione.
L’associazione Culturale G.O.S.T. comunica la partenza della rassegna "Don Bosco" dedicata ai debutti degli spettacoli di fine anno della Scuola di teatro G.O.S.T.. Gli spettacoli si terranno presso l’"Auditorium Don Bosco" in via C. Battisti 14 a Cascina del Sole di Bollate (MI).

L’ingresso è di 10 euro per gli interi e di 8 euro per i ridotti riservato ai soci GOST e UILT.

La rassegna è patrocinata dal comune di Bollate e prevede sei spettacoli. In tutto saliranno sul palco 44 allievi dei nostri corsi: 15 adulti, 11 adolescenti e 18 ragazzi. Una grande kermesse per la nostra associazione che vede nella formazione teatrale uno dei punti cardine della propria missione: la diffusione dell’arte del teatro.

Per informazioni o per prenotare i biglietti inviare una mail a info@teatrogost.it oppure chiamare il numero 339 1133944.

mascherePrepotenti

"LE MASCHERE PREPOTENTI"

Martedì 05 Dicembre 2017 ore 21.00

sognoMezzaEstate

"SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE"

Martedì 12 Dicembre 2017 ore 21.00

baroneLamberto

"C’ERA DUE VOLTE IL BARONE LAMBERTO"

Domenica 17 dicembre 2017 a partire dalle ore 14:30

cache

"CACHE CACHE"

Domenica 17 dicembre 2017 a partire dalle ore 14:30

moscheBianche

"MOSCHE BIANCHE"

Domenica 17 Dicembre 2017 a partire dalle ore 14:30

alberGoDeiPoveri

"L’ALBERGO DEI POVERI"

Martedì 19 dicembre 2017 a partire ore 21.00

indietro

"LE MASCHERE PREPOTENTI"

mascherePrepotentiLogo

Guardare dentro se stessi, identificare i propri fallimenti e trovare il coraggio di cambiare la propria vita. Un problema che riguarda tutti, passaggi obbligati che la vita non risparmia a nessuno. Ma il trucco, forse, per uscire vincenti dalla distruzione interiore à combattere il proprio disequilibrio riconoscendo quei sentimenti negativi... nascosti sotto una veste amica ed arrivare a smascherarli per assegnare loro il posto giusto dentro quel "sè" che ci rende unici. Il pubblico si ritroverà ad essere il "medico" della nostra protagonista ed a guardare ciò che avverrà nella sua mente, sino a che riuscirà a liberarsi della propria schiavitù interiore. ...Ma siamo sicuri che la libertà sia veramente la meta tanto agognata?

di Roberta Cavalleri
regia di Roberta Cavalleri

"SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE"

sognoMezzaEstateLogo

Il Sogno di una notte di mezza estate racconta delle imminenti nozze tra Teseo, duca d’Atene, e Ippolita, regina delle Amazzoni, da lui sconfitta e suo bottino di guerra. Un gruppo di artigiani-attori prepara una recita per l’occasione, mentre Titania e Oberon, rispettivamente regina e re delle fate, presumibilmente protettori dei talami nuziali, sono in lite fra loro e assistono nel bosco, tra un dispetto e l’altro, all’incontro tra amanti incompresi, amanti in fuga, amanti non corrisposto. Un fitto bosco di equivoci e malintesi, un re e una regina litigiosi, folletti dispettosi e creature magiche sono gli ingredienti ideali per una commedia divertente ma anche ricca di poesia e delicatezza, apparentemente elegante e cortese, impregnata di spunti noir e talvolta inquietanti.

di William Shakespeare
regia di Giorgio Branca

"L’ALBERGO DEI POVERI"

albergoDeiPoveriLogo

Riuscirà Nastaja a troverare il suo Raul? Il gendarme una donna da amare? Igor il paese dei giusti? Natacha a fuggire? Kostilow a diventare un grande albergatore? Katiusha troverà un uomo che la rispetti? Wassilissa si libererà dal marito? Satin scoprirà la verità? Pepel la libertà?

In questo albergo dove sembra non succeda nulla e invece accade di tutto, ognuno sogna di poter avere un’altra possibilità dalla vita e un motivo per andarsene. L’arrivo di un nuovo coinquilino renderà gli animi più inquieti e le speranze possibili.

di Maksim Gor’kij
regia: Omar Mohamed

"C’ERA DUE VOLTE IL BARONE LAMBERTO"

baroneLambertoLogo

Il barone Lamberto è un vecchio decrepito, amareggiato da numerosi acciacchi, veri o presunti. La sua vita cambia radicalmente, quando decide di fare una vacanza in Egitto. Una volta tornato in Italia paga sei persone, perchè ripetano senza sosta il suo nome ed ecco rifiorire in lui salute e giovinezza... cosa si nasconde dietro questo mistero?

di Gianni Rodari
regia: Chiara Di Marco

"CACHE CACHE"

cacheLogo

Prima dello scoppio della terza guerra mondiale, la terra era popolata da miliardi di esseri umani che vivevano sulla superficie. La guerra che venne combattuta rase al suolo tutto il mondo allora conosciuto e i pochi esseri umani rimasti vivi si rifugiarono sottoterra, organizzandosi in bande per sopravvivere, perchè il mondo di sopra si era popolato di giganti e mostruose creature nate dalle follie umane e dalle armi nucleari. A furia di avere paura di tutto e nascondersi, gli umani si sono rimpiccioliti e hanno mutato il loro nome in prendimprestito, perchè, appunto, prendono in prestito cose dal mondo di sopra. La loro esistenza dipende esclusivamente da quello che riescono a sgraffignolare, ed è minacciata dai mostri che abitano la superficie. In particolare, in questa zona, esiste da sempre "la cosa". Ogni giorno, quando cala il sole, i prendimprestito si rifugiano nella profondità della terra e nessuno osa mettere il naso fuori. Tutti si nascondono, perchè tutti hanno paura di lei. Nessuno l’ha mai vista, ma da generazioni gli abitanti di questi sotterranei vivono nel terrore. Al centro di questa favola distopica e grottesca si apre una riflessione molto forte e profondamente umana sul tema "Da cosa mi nascondo? Perchè mi nascondo?"

di Marta Annoni
regia: Marta Annoni

"MOSCHE BIANCHE"

moscheBiancheLogo

Siamo in una delle più prestigiose scuole di tutto il paese: la scuola di inquadramento superiore, la scuola che permette di accedere al mondo societario, al mondo vero. Si dice che sia una delle migliori in assoluto perchè dopo il diploma c’ è il 99,9% di possibilità di trovare un posto di lavoro, un marito, una casa con una staccionata bianca. Ma se essere inquadrati nel mondo societario volesse dire perdere l’identità, le emozioni, le differenze, la possibilit’ di scegliere il lavoro, il marito e la staccionata gialla, fuxia, verde o viola? E se un gruppo di ragazze volesse diventare grande senza che nessuno dica loro come crescere, prendendosi anche la libertà di non sapere cosa fare, di sbagliare e di non essere uguali a tutti gli altri? In un mondo di mosche nere, qui, viene raccontata la storia di sei mosche bianche che decidono di riappropriarsi del loro diritto di decidere chi essere.

di Marta Annoni
Regia di Marta Annoni